Notizie 
 

Come scritto nel numero precedente e sempre notificato, il periodico Credere all'Amore è un piccolo organo dell'Associazione Beata Chiara Badano, sostenuto dalla ONLUS Luce d'Amore e aperto nel nome di lei sin dagli inizi della Causa di canonizzazione per diffonderne e sostenerne la fama di santità. Voluto dal "Vescovo della beata Chiara" Mons. Livio Maritano.

Con tristezza si è dovuta prendere una decisione: i numeri diverranno due. Troppo alte sono le spese e mai abbiamo voluto chiedere una cifra di costo. Siamo nel suo 16°anno di vita e continuerà a reggersi sostenuto dal libero contributo dei lettori.

 

A questa sofferenza si aggiunge un altro grande dolore causato da una gravissima dichiarazione: tutti i libri da noi scritti riguardo alla beata Chiara "Luce" Badano non sono veritieri.

Non è né vero né giusto, perché scritti da Mariagrazia Magrini, Vicepostulatrice, con riferimento unico ai due poderosi volumi da lei stessa creati per nomina ricevuta dalla Congregazione dei Santi, onde giungere dopo accurato controllo e studio, al voto per il titolo di Venerabile e, col miracolo, alla Beatificazione.

La Positio super vita, virtutibus et fama sanctitatis tra l'altro rivisita gli scritti di Chiara (esaminati da una Commissione di tre Periti Storici) e alle deposizioni rilasciate dai 72 testimoni del Processo diocesano, tra cui il Vescovo Livio Maritano e la Serva di Dio Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari. È l'unica fonte a cui si è attinto senza mutare assolutamente nulla, nella totale verità storica. Inoltre si rammenta che tutti avevano deposto o operato in questo campo dopo giuramento sulla Sacra Bibbia!

A questi due volumi ci è caro ricordare che ha fatto riferimento padre François-Marie Léthel, teologo carmelitano, per una meditazione negli esercizi spirituali da lui predicati al Santo Padre Benedetto XVI.

L'unico scopo per cui si sono creati vari libri, dietro richiesta dei Vescovi e della Sacra Congregazione delle Cause dei Santi, è stato quello di dimostrare e confermare la fama di santità dell'allora Serva di Dio sino ad oggi, portando oltre che alla conoscenza della sua vita alla riflessione sulla sua spiritualità. Il tutto ha comportato fatiche ed oneri personali finanziari; si notifica inoltre che ogni ricavo ha sostenuto le spese di Canonizzazione e opere caritative, soprattutto per il Centro nel Bénin.


S
e per richiesta del nuovo vescovo di Acqui la Postulazione, nelle persone di padre Florio Tessari, già Postulatore generale dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini, e di Mariagrazia Magrini non è più operativa, si continua nell'impegno della divulgazione di questa giovane cristiana riconosciuta Beata dalla Chiesa, proseguendo con le due Associazioni, come auspicato dai Papi San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, in ubbidienza alle regole della Chiesa.

Grati, anche a ogni collaboratore, confidiamo nel sostegno e nella preghiera di tutti, augurando una Santa Pasqua di pace e di luce nel Cristo, crocifisso e risorto.

 

Buona navigazione!