Contatta la Postulazione
Cell. 0039.333.2417172  
 
  
  
  

 

È Chiara Luce se hai Gesù

I video raccolti nella pagina internet della Postulazione sulla beata Chiara Badano sono testimonianze ricche di luce.

Sentire il Vescovo Monsignor Maritano raccontare di Chiara e della speranza sparsa da questa ragazza attorno a sé, durante la sua breve vita e nella prova della sofferenza, ci pone una serie di domande che solo la disposizione a ricercare segni di fede e la volontà di abbandonarci alla presenza del divino, ci permettono di scandagliare.

Chiara sta male, ma nonostante questo assunto lapidario tutti, proprio tutti, professori e compagni di scuola compresi, credenti e non credenti, sono affascinati e trasportati in una dimensione irreale, ma molto vera: Dio trasforma davvero tutto.

Il professore intervistato ammette la vita di sofferenza vissuta anche da coloro che le erano vicini e, nonostante tutto, Chiara lascia ad ognuno un messaggio luminoso e rivoluzionario anche se antichissimo: se vivi con Gesù tutto è chiaro, limpido, tutto diventa “amore”. Anche la sofferenza si riscatta. E tutti sentono di essere vivificati da quell’incontro, da quelle parole, da quella vita che si spegnerà.

Chiara diceva: «Voi non potete neppure immaginare qual è adesso il mio rapporto con Gesù. Avverto che Dio mi chiede qualcosa di più, di più grandeOra mi sento avvolta in uno splendido disegno che a poco a poco mi si svela…»; lei si trovava ad un’altezza da cui non vorrebbe mai scendere: « (…) lassù, dove tutto è silenzio e contemplazione (…)».

Rifiuta la morfina «perché mi toglie la lucidità, e io non ho più niente…, ma ho ancora il cuore e con quello posso sempre amare, ho ancora il mio dolore e quello posso offrire».

Ogni aspetto della vita può assumere un diverso colore, essere lavorato come si lavora di cesello. Quello che capita a tanti, a tutti, ogni giorno. Anche a Renata che oggi si porta a casa l’ennesimo fallimento. Ancora un colloquio andato male: nonostante un curriculum di tutto rispetto, di lavoro non c’è neppure l’ombra. E invece c’è un figlio da crescere e, da sola.

Renata si confida con la madre, che sconsolata reprime a fatica le lacrime di delusione e di ansia. Allora Renata con decisione afferma: “Ma io non mi scoraggio, mamma. Gesù vuole così e io continuerò serena la ricerca. Tu prega, perché io non riesco più, ma so che Gesù è con me e voglio fidarmi di Lui”.

La madre mi racconta di questo episodio aggiungendo: “Si giunge a un punto in cui i figli insegnano ai genitori la speranza. E la speranza si fonda su Dio solamente. Il resto è vuoto!”.

Annamaria G.

 

 

 

La Postulazione, con gioia e gratitudine, notifica che ad Abomey  (Bénin)
dove ha avuto inizio, il 29 ottobre 1999, il Centro Chiara 'Luce' Badano 
è stato aperto un asilo nido nel nome della Beata.