Contatta la Postulazione
Cell. 0039.333.2417172  
 
 
  

Voi non sapete…

Mons. Livio Maritano

 

 

Monsignor Livio Maritano, Vescovo di Acqui, incontrando assiduamente Chiara Badano durante la malattia, constatò in lei la presenza di momenti di vita mistica. Ebbe molta cura di quel fiore, sbocciato fra le spine del dolore nella sua Diocesi, e avviò per lei il Processo di canonizzazione. Un tesoro non si può nascondere, una luce si mette sopra il moggio, perché ad essa facciano riferimento i cuori in cammino.

 

Molti si stupiscono e si commuovono alle parole di Chiara Luce:

«Voi non sapete a quali altezze io mi trovo durante le mie giornate,
lassù dove tutto è silenzio e contemplazione…».

Era il suo incontro con Gesù, il suo «Tutto!». Restare con Lui era dare senso a ogni respiro. Così è anche per Maria, vedova da un decennio. Forse per questo un secondo tumore devastante, dopo aver lottato per alcuni anni per un carcinoma, non riusciva a portarle via quel sorriso luminoso, nonostante il buio del dolore trafiggesse, a momenti, lo sguardo. “Guardo a Gesù e mi fido. Succeda quel che deve succedere, io combatto con Lui accanto”, confidava ad Anita, l’amica di sempre.

Poi era trascorso un anno fra terapie faticose e tiranne. Ma un giorno Anita aveva ricevuto una telefonata: “Ti ricordi? -chiedeva Maria- mi avevi augurato, trascorso un anno, di veder risolversi il tutto. Contrariamente a ogni previsione, oggi mi hanno comunicato la guarigione. Sono esausta, ma guarita. E non ho mai distolto il cuore da Gesù!”.

Anita aveva avuto un tremito, ma era solo per via di un momento di felice smarrimento.

Annamaria G. 

 

♣♣♣♣♣ 

  

La Postulazione non può non farvi conoscere, se pur brevemente, la "storia" di questa signora dai capelli bianchi che, rimasta vedova, ha speso tutta la sua lunga vita a servizio dei più "poveri" nel Bénin. Non l'hanno fermata le tante malattie, la non conoscenza della lingua francese, il clima, la lontananza…

 

Con i padri Camilliani ha imitato il loro Santo fondatore donandosi totalmente agli "ultimi" e soprattutto è divenuta "mamma" di molti seminaristi, ora sacerdoti.

Si è fatta tutta a tutti, aralda di questo popolo ha testimoniato a parole, ma soprattutto vivendo la carità senza alcun limite e senza alcun rispetto umano. Non chiedeva per sé, ma sempre e solo per loro.

 

 

Grazie, Candida, donna biblica. Volevi rimanere per sempre là, in quella terra…

Il tuo Signore ti ha presa improvvisamente tra le sue braccia di Padre.

Ora hai raggiunto i due Vescovi che amavi e stimavi tanto.

Mons. Nestor e Mons. Livio ti saranno corsi incontro con Chiara Luce alla cui beatificazione fosti presente, orgogliosa di essere nella prima fila, malata tra i malati.

Grazie per la tua amicizia. Non riuscivamo a incontrarci spesso ma, unite dal medesimo amore, ci siamo volute bene!

Mariagrazia e Michela