Ringraziamo il Signore che ci aiuta a educare bene i bambini

Carissimi amici e benefattori, grande è la nostra gioia nell’inviarvi qualche riga per esprimervi i nostri sentimenti di riconoscenza per quanto fate e farete per i nostri bambini in situazioni di difficoltà. Ringraziamo il Signore che ci aiuta a educare bene i bambini a noi affidati, nonché per il proseguimento del nostro Centro.

 

“Sentiamo forte la sua presenza accanto a noi”

Cari amici, molto semplicemente buona Quaresima e buona preparazione alla grande festa della Pasqua. In questi giorni comprendo un po’ meglio che non si può seguire Gesù se non si abbraccia la sua croce.

 

Proseguono i lavori per il laboratorio analisi

Cari amici, l’anno 2014, da poco iniziato, già corre. E oggi siamo al 12 gennaio.

Grazie per la vostra ultima lettera, ma eccomi a voi con alcune notizie. Le nostre religiose dell’Istituto “Amici della Missione” continuano a occuparsi dei nostri bambini e sono sempre presenti accanto a loro.

 

“La beata Chiara continua a operare miracoli discreti ma efficaci”

Carissimi amici, eccomi a voi con alcune notizie. L’internato farà ora parte delle opere diocesane seguite direttamente dal vescovo mons. Eugéne Houndekon, in cooperazione con me e con le religiose Amiche della Missione che proseguono nell’incarico di supervisione della casa e dell’educazione umana e cristiana dei nostri bambini.

 

I miracoli di ogni giorno ci rivelano la presenza di Dio

Cari amici, i miracoli che dovrebbero cambiare la nostra vita e farci ritornare definitivamente a Dio non sono necessariamente spettacolari: guarigione di malattie e protezione da pericoli gravi. I miracoli di ogni giorno, discreti e d efficaci, che ci svelano la presenza “amorevole” di Dio tra gli uomini – creati a sua immagine e somiglianza – sono molteplici e multicolori.

 
 

“Autorizzati a iniziare le cure mediche”

Cari amici, benediciamo insieme il Signore che ama il suo popolo e lo accompagnava nei suoi disegni. Il progetto di un piccolo ospedale a Sogbo-Aliho non era compreso da tutti. Ma la fiducia in Dio ci dà ragione. La popolazione delle vicinanze attende con impazienza l’apertura di questo nuovo dispensario, costruito nel nome della beata Chiara Luce Badano e sollecita la realizzazione di una piccola maternità.

 

 “La Provvidenza ci aiuterà a realizzare questa Città dell’Unità”

Cari amici, vengo a voi nella luce del Cristo risorto e vi auguro un gioioso tempo pasquale. Noi possiamo affermare che quest’anno abbiamo vissuto davvero la Pasqua nella pace e nella gioia. Sabato scorso 14 aprile, abbiamo fatto una gita con i nostri bambini nel luogo che pensiamo di intitolare a Chiara Luce Badano, per offrire loro anche uno spazio di vacanza.

 

 “I nostri bambini potranno ricevere le cure più urgenti”

Cari amici, come dirvi grazie per il nuovo aiuto che ci avete inviato? A seguito di alcuni lavori di rifinizione possiamo già intravedere la messa in opera del centro medico nella prima quindicina di febbraio, probabilmente il giorno 11, Giornata Mondiale del Malato.

 

“Gioiosi di accogliere la visita di Papa Benedetto XVI”

Miei cari amici, nel Bénin abbiamo vissuto avvenimenti indimenticabili e commoventi. La visita del Santo Padre è stata unanimemente accolta e apprezzata. Tutto si è svolto molto bene e noi ringraziamo Iddio. Dieci dei nostri bambini hanno potuto far parte della delegazione dei ragazzi della diocesi di Abomey.

 

L’amore non ha confini

Giunto a Roma per la beatificazione di Giovanni Paolo II, il 6 maggio Mons. Assogba ha voluto venire a Torino per riferirci sull’opera creata nel Bénin in nome di Chiara Badano. I bambini stanno bene, e l’educazione che le suore – unitamente al personale – impartiscono loro, sia nell’internato che nella scuola, inizia a dare frutti, e di questo i loro genitori sono veramente felici. Quindi tutto prosegue bene.