La luce di Chiara illumina la piazza

Luce d'Amore - Onlus

La luce di Chiara illumina la piazza

Con i giovani francescani della Puglia e del Molise siamo stati pellegrini a Sassello, un piccolo paese della provincia di Savona, in una “casa” speciale: nella cameretta di Chiara.
Chiara Badano, una ragazza che, come tutti i giovani, amava la vita, lo sport, gli amici… amava la “piazza” dove ogni giorno –con una normalità straordinaria –testimoniava il suo amore folle, ma concreto per Gesù.
Alla soglia dei suoi diciott’anni, una grave malattia sembrò frenare la vitalità dei suoi giovani anni. Nella malattia Chiara, richiamata ad una intimità estrema con Dio, trascorrerà le sue giornate nella sua cameretta la sua “casa” ed accetterà un confronto con Dio.

È un’accettazione che comincia con una presa di coscienza dura e difficile: per la sua malattia non c’è scampo! Da quella “casa” speciale Chiara incomincerà ad irradiare la sua Luce e a riversarla sulla “piazza”.
Sembra assurdo, ma, a noi che siamo stati ospiti del silenzio di quella cameretta, anzi, di quella “ca-sa”, ci è sembrato, invece, di respirare il profumo della “piazza” e di avvertire il rumoroso baccano di una folla di santi!

Il desiderio che con semplicità estrema ha espresso Michelangelo, un giovane francescano di San Giovanni Rotondo, è il desiderio che sicuramente ognuno di noi si porterà nella “piazza” della propria vita: «fra Nicò, va a finire che mi faccio santo pure io!».

Fra Pasquale Cianci e i giovani della GIFRA