A Madrid spettacolo teatrale dei Focolari come omaggio alla giovane beata ·

Luce d'Amore - Onlus

A Madrid spettacolo teatrale dei Focolari come omaggio alla giovane beata ·

Nel ricco programma della Gmg 2011, tra concerti, mostre, convegni, visite guidate ai musei, il Movimento dei Focolari ha organizzato uno spettacolo teatrale incentrato sulla figura di Chiara Badano, la giovane italiana, beatificata il 25 settembre dell’anno scorso, conosciuta anche come Chiara Luce.

Chiara è stata una giovane appartenente al Movimento dei Focolari, morta a diciotto anni per un tumore osseo. Si è trattato di uno spettacolo che ha intrecciato musica, teatro, recitazione e coreografie. L’evento si è svolto mercoledì sera presso l’Auditorium «Pilar García Peña», situato nel parco Pinar del Rey. Oltre tremila persone hanno preso parte all’evento, da molti definito «indimenticabile».

Con questa presentazione — si legge in un comunicato del Movimento dei Focolari che riprende le parole di Benedetto XVI all’Angelus del 26 settembre 2010, all’indomani della beatificazione di Chiara Badano — si è voluto mostrare «l’Amore» con la A maiuscola, che dona la felicità come testimonia la vita di chi è stata un «raggio di Luce».

Quella di mercoledì è stata una festa per tanti giovani non solo focolarini. Pablo Alcolea, professore di musica coinvolto attivamente nella preparazione dell’evento, ha raccontato di aver vissuto una bella esperienza. «È stato uno spettacolo — ha detto — che ha richiesto tanto sforzo, nel coniugare lavoro e volontariato, ma è stata una grande occasione per lasciarsi portare per mano dal Padre confidando in Lui. Un’opportunità fantastica per contemplare attraverso la musica, l’esperienza di vita di Chiara Luce Badano».

Chiara, infatti, nonostante la malattia continuò a seguire le attività dei focolarini: donò tutti i suoi risparmi a un amico in partenza per una missione nel Benin e faceva lavoretti da mettere in vendita per beneficenza.

Trascorse gli ultimi mesi a letto nella sua casa di Sassello insieme ai genitori, rimanendo in contatto con il movimento focolarino.

Nell’agosto del 1990 Chiara preparò nei minimi dettagli il suo funerale considerandolo una sorta di festa di nozze. Il 10 settembre mandò un saluto ai membri della comunità focolarina, registrando un’audiocassetta.

Morì il 7 ottobre del 1990. Altri eventi che hanno riscontrato una grande partecipazione di pubblico sono stati i concerti del «Gen Rosso», gruppo musicale internazionale del Movimento dei Focolari.

Osservatore Romano – 20 agosto 2011