Mons. Assogba: il ricordo del Gruppo Missionario di Merano

Luce d'Amore - Onlus

Mons. Assogba: il ricordo del Gruppo Missionario di Merano

Lo scorso 22 agosto, all’età di 88 anni, è morto mons. Nestor Assogba, arcivescovo emerito di Cotonou (Benin). Uomo di grande fede, all’opera di evangelizzazione legava l’impegno per migliorare le condizioni di vita dei più poveri. Alpidio Balbo, il fondatore del GMM (Gruppo Missionario di Merano), aveva incontrato mons. Assogba a metà degli anni Settanta a Parakou, dove era vescovo, e da allora la collaborazione e l’amicizia non è mai venuta meno.

Mons. Nestor Assogba con il personale sanitario del dispensario Chiara ‘Luce’ Badano

Lo scorso 22 agosto, all’età di 88 anni, è morto mons. Nestor Assogba, arcivescovo emerito di Cotonou (Benin). Uomo di grande fede, all’opera di evangelizzazione legava l’impegno per migliorare le condizioni di vita dei più poveri. Alpidio Balbo, il fondatore del GMM (Gruppo Missionario di Merano), aveva incontrato mons. Assogba a metà degli anni Settanta a Parakou, dove era vescovo, e da allora la collaborazione e l’amicizia non è mai venuta meno.

Il grande affetto della chiesa del Benin per il suo Arcivescovo emerito è apparso in tutta evidenza il giorno dei funerali, celebrati nella chiesta parrocchiale “Saint Michel Gbéto” di Cotonou da oltre 600 sacerdoti, alla presenza dei vescovi del Benin e del Togo. Il rito è stato presieduto dal nunzio apostolico per il Benin ed il Togo, mons. Brian Udaigwe. Mons. Assogba è stato non solo un interlocutore privilegiato della nostra Ong in Benin, ma una vera e propria guida, un punto di riferimento, anche dopo aver lasciato, per raggiunti limiti d’età, l’Arcidiocesi di Cotonou.

Negli ultimi anni, su sua indicazione, il GMM è intervenuto per finanziare la costruzione del reparto di maternità del dispensario “Chiara Luce Badano”, nel villaggio di Sogbo Aliho, vicino Abomey. Era un’opera alla quale l’arcivescovo emerito, che l’aveva avviata in collaborazione con la Postulazione della causa di beatificazione della giovane di Sassello, teneva in modo di particolare.

Nella foto Alpidio Balbo (camicia bianca), fondatore del GMM, con il personale sanitario del dispensario Chiara ‘Luce’ Badano

Con il GMM, “abbiamo fatto tante cose – ci aveva detto mons. Assogba in una registrazione per il film ‘Aiutiamo l’Africa in Africa’ – ma quel che mi ha colpito, più che le cose materiali, è lo spirito di amicizia, fratellanza e umanità. Auguro che questo spirito possa continuare”.

Il GMM si unisce al dolore della Chiesa del Benin per la perdita di un grande amico che ci ha insegnato a conoscere ed amare l’Africa.

 

(Un pozzo per la vita – 2017)