Brasile: inaugurata la prima cappella dedicata alla beata Chiara Badano

Luce d'Amore - Onlus

Brasile: inaugurata la prima cappella dedicata alla beata Chiara Badano

Chiara “Luce” Badano, la giovane diciottenne morta nel 1990 a Sassello (Italia) a causa di un tumore tra i più dolorosi, è la protettrice dei bambini colpiti da questo grave male, ospiti dell’ospedale “Sarina Rolim Caracante” gestito dal «Gruppo di ricerca e assistenza cancro infantile» (Gpaci) di Sorocaba, città dello Stato di San Paolo, in Brasile.

L’aveva annunciato già lo scorso anno l’arcivescovo di Sorocaba, mons. Eduardo Benes de Sales Rodrigues, durante la visita pastorale all’ospedale, che cadeva proprio alla vigilia della cerimonia di beatificazione di Chiara Luce, avvenuta a Roma il 25 settembre dello scorso anno.

In quell’occasione, l’arcivescovo Benes de Sales Rodrigues aveva dato il suo consenso al progetto di una cappella con la presenza permanente di Gesù Eucaristia, intitolata alla giovane beata. E ora, in questo tempo natalizio, quello che lo scorso anno era un progetto è diventato realtà. Nei giorni scorsi, infatti – riferisce L’Osservatore Romano – l’arcivescovo di Sorocaba ha inaugurato e consacrato la piccola cappella dedicata a Chiara, a cui si accede proprio dal corridoio che porta alla sala operatoria.

Nell’omelia il presule si è soffermato sugli ultimi suoi due anni di malattia che l’aveva sorpresa con un acuto dolore mentre giocava. Ha ricordato quei 25 minuti di lotta interiore da lei vissuti all’annuncio della diagnosi. Poi, il suo «sì» irrevocabile: “Lo vuoi tu, lo voglio anch’io”. “Chiara Badano — ha sottolineato mons. Benes de Sales Rodriguesè stata un esempio di come si possono vivere nella gioia, nella letizia, momenti così difficili che portano al passaggio definitivo verso il Padre”.

Infine, l’arcivescovo ha espresso la certezza “che per intercessione di Chiara Luce in questa struttura cadranno molte grazie”. Sono quattrocento i bambini e adolescenti curati in questo ospedale, l’unico specializzato in tumori infantili della regione. I piccoli ospiti provengono da più di quaranta città e godono di cure gratuite essendo la maggior parte di famiglie povere.

 

( Radio Vaticana – a cura di  L.Z. – 1 marzo 2012)