Irradiare il messaggio di Chiara – Anno 2007

Luce d'Amore - Onlus

Irradiare il messaggio di Chiara – Anno 2007

Riferiamo alcuni appuntamenti nei quali è stata presentata la figura della Serva di Dio Chiara Badano.

*Il 27 marzo nella parrocchia di Isolalta di Vigasio (Verona) l’esempio della Serva di Dio è stato illustrato, in primo luogo in due scuole materne, e successivamente in due incontri, rispettivamente rivolti agli adolescenti e alle mamme. L’iniziativa promossa dal Parroco e accuratamente preparata da alcune catechiste ha predisposto i presenti all’ascolto di Mariagrazia.

La giornata si è conclusa con una solenne celebrazione eucaristica in onore di Maria SS. Annunziata, presieduta da Mons. Maritano. Il Vescovo ha ampiamente esposto i valori fondamentali vissuti da Chiara, attentamente seguito dai numerosi fedeli giunti anche da parrocchie vicine. Erano presenti, insieme a varie Associazioni, il Sindaco e la Giunta comunale. Ha animato l’assemblea la cantoria parrocchiale. L’immagine di Chiara Luce è stata collocata nella cappella dedicata alla Madonna del Rosario.

*Nel corso degli Esercizi spirituali programmati per i Diaconi permanenti dell’Arcidiocesi di Torino, nei giorni 21-25 aprile a Forno di Coazze, la riflessione sulle virtù teologali ha offerto l’opportunità di richiamare l’esempio della Serva di Dio.

*Il 1° maggio a Bubbio (diocesi di Acqui) ha avuto luogo un incontro dei giovani della zona. Si è parlato della vocazione di tutti alla santità, con precisi riferimenti alla vita di Chiara, illustrata da una serie di cartelloni creati dai giovani stessi.

*Il 6 maggio, a S. Valeriano (TO), nella Fraternità di Montecroce fondata da don Arturo Giaccone, alla presenza di numerosi adulti provenienti da varie parrocchie si è approfondita la parola di Dio e il pomeriggio è stato dedicato alla testimonianza della Serva di Dio, con particolare riferimento al suo eroico esercizio della speranza cristiana.

*Il 12 maggio, nella parrocchia di Pancalieri (TO) si è tenuto un concerto corale secondo un programma che alternava gli interventi musicali con la presentazione della biografia di Chiara Luce.

*Il 17 maggio, nel corso del pellegrinaggio dell’Associazione S. Maria a Lourdes, Mons. Maritano ha esposto in una conferenza la dottrina della Chiesa sulla chiamata universale dei battezzati alla santità, con puntuali riferimenti alla vita di Chiara.

*Dal 28 al 30 maggio Mons. Assogba, Vescovo emerito di Cotonou (Bénin), si è incontrato con la Postulazione a Torino, e successivamente col Vescovo di Acqui e con i genitori di Chiara a Sassello.

*La sera del 24 giugno, il gruppo di volontariato cristiano, denominato “I giullari di Dio”, ha accolto nella propria sede di Grugliasco (TO), la visita di Mariagrazia Magrini che accompagnava il padre domenicano Pedro Léon, giunto da Siviglia per visitare i luoghi della Serva di Dio. Dopo aver ascoltato alcuni tratti del messaggio di Chiara, esposti dalla vicepostulatrice, i presenti hanno manifestato le riflessioni suscitate in essi dall’esempio di vita di Chiara Luce, scelta come modello di vita e, con S. Francesco, protettrice del gruppo stesso.

*Il 6 luglio le Clarisse del monastero di Moggio Udinese, che seguono con vivo interesse e costante preghiera la Causa della Serva di Dio, hanno gradito la visita di Mons. Maritano e della vicepostulatrice. Nel corso del colloquio hanno appreso con gioia varie testimonianze che documentano la sorprendente diffusione della sua fama di santità.

*L’11 dello stesso mese un gruppo di giovani e di famiglie appartenenti al GAM (Gioventù Ardente Mariana), fondato da don Carlo De Ambrogio, hanno chiesto di conoscere la vita esemplare di Chiara Badano nel corso di un campo estivo nella propria sede di Caselette (TO). L’incontro si è svolto in un’atmosfera di viva e commossa partecipazione. Due testimonianze:

  • «Grazie dal profondo del cuore per questo pomeriggio che ci è stato veramente di “luce” per tutti noi. L’esempio di Chiara e il suo aver gridato il Vangelo con la vita ci ha toccati nel profondo del cuore, ci ha realmente “evangelizzati”. Grazie di esistere!».
  • «Cara Mariagrazia, l’esperienza di Chiara è sicuramente un esempio per ciascuno di noi, e ti posso assicurare che il momento che ci avete regalato è stato tra i più belli di tutti i 6 giorni del campo. Molte delle ragazze e famiglie che erano presenti sono uscite dalla sala con nuovi propositi per la loro vita, ponendo Chiara come modello. Ciao, Francesca».