La Beatificazione di Chiara “Luce” Badano. La testimonianze di mons. Maritano

Luce d'Amore - Onlus

La Beatificazione di Chiara “Luce” Badano. La testimonianze di mons. Maritano

Migliaia di persone si preparano a celebrare oggi la Beatificazione della venerabile Serva di Dio, Chiara “Luce” Badano, la giovane spentasi nel 1990 all’eta di 19 anni dopo una lunga malattia e dopo aver dato prova di una profonda autenticità di vita cristiana. La solenne liturgia sarà celebrata tra circa due ore al Santuario romano della Madonna del Divino Amore, presieduta dall’arcivescovo Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. stasera, in Aula Paolo VI, lo spettacolo ispirato alla vita della nuova Beata. Ma quali erano i tratti caratteristici della personalità di Chiara Luce Badano? Mons. Livio Maritano, vescovo emerito di Acqui, e promotore della causa di Beatificazione, ne parla in questa intervista di Isabella Piro:

R.Una fede nell’amore di Dio: “Dio mi ama immensamente”. Di qui, la necessità di ricambiarlo: fare la volontà di Dio. L’ascolto della Parola di Dio l’ha conquistata fin da quando utilizza il Vangelo donatole in occasione della Prima Comunione. Poi, lo sviluppo della valorizzazione della Parola di Dio e dell’Eucaristia: sono state quelle le fonti principali della sua formazione, dando un esempio di serenità, di pace, di perseveranza che il Signore ha ricambiato dandole il centuplo, cioè la certezza del Paradiso, quella felicità per cui conclude la vita mettendo la mano sul capo della mamma e dicendo: “Ciao, mamma, sii felice perché io lo sono!”.

D. – Chiara aveva il soprannome di “Luce”, che le era stato dato da Chiara Lubich, la fondatrice del Movimento dei Focolari: perché?

R.Rispecchiava l’azione dello Spirito Santo su di lei. La luminosità del suo sorriso, dei suoi occhi, della sua disponibilità agli altri, del suo apostolato, del suo impegno nel donare tutto quello che aveva per i bambini dell’Africa, cosa che fede ripetutamente: i regali della Prima Comunione, poi quelli dei 18 anni e effettivamente poco dopo il 2000 abbiamo potuto realizzare due centri nel Benin proprio servendoci dei suoi primi doni per l’Africa.

D. – Mons. Maritano, cosa l’ha spinta a promuovere il processo di Beatificazione di Chiara?

R. La certezza che fosse una ragazza veramente impegnata nella sua graduale santificazione, nell’apostolato che svolgeva, nella testimonianza di fede incrollabile, una fiducia incrollabile in Dio! L’amore così vicino a Gesù Cristo per cui tutto diventava l’occasione di un dialogo con lei: tutto questo mi assicurava un livello di virtù non comune! Non potevo tenere chiuso in una piccola diocesi, come quella di Acqui con 150 mila abitanti, una testimonianza così importante: di giorno in giorno si moltiplicano le risonanze della sua statura morale e spirituale. Tantissime persone mi hanno detto: “Mi ha cambiato la vita!”.

D. – A distanza di 20 anni dalla sua morte, cosa ci dice oggi, Chiara?

R.Dice l’attualità dei valori per i quali lei è vissuta, quindi un messaggio per i giovani. Un’espressione sua: “Vorrei passare loro la fiaccola, come alle Olimpiadi, perché la vita è una sola e vale la pena di spenderla bene”. Può essere una bella testimonianza per animare i giovani a santificare il tempo dello studio come il tempo del gioco, dello sport, in unione con Gesù: e tutto questo da un senso di gioia, di apertura alla vita e di apertura alla vita soprannaturale.

D. – Mons. Maritano, lei ha conosciuto personalmente Chiara Badano: c’è un episodio che lei vuole ricordare ai nostri microfoni?

R.Io ho visitato, nella mia vita, tantissimi malati, ma il discorso normale con i malati era sentire come va la salute, come va la malattia, eccetera. Con lei no, perché con lei bisogna subito orientarsi nel parlare della Chiesa: era innamorata della Chiesa, perché non si può non essere innamorati quando si vuole immensamente bene a Gesù.

 

Fonte: Radio Vaticana