La beatificazione di Chiara Badano

Luce d'Amore - Onlus

La beatificazione di Chiara Badano

Carissimi,
in questi giorni i “media” sono stati particolarmente attenti alla storica visita del Papa in Gran Bretagna; visita che si annuncia feconda di risultati per la vita della Chiesa nel Regno Unito, per il dialogo tra la Chiesa cattolica e la comunità anglicana e anche per la società britannica.

Un interesse particolare ha destato la beatificazione di John Henry Newmann, importante figura di intellettuale, di teologo e di uomo di Dio, che aderì alla Chiesa cattolica dallʼanglicanesimo in cui era nato e vissuto.
La Provvidenza ha voluto che, a distanza di una settimana, venga beatificata la giovane di Sassello, Chiara Badano. Due figure diversissime, vissute distanti lʼuno dallʼaltra (Newmann è morto cento anni prima della morte di Chiara), eppure tutte e due proposte dalla Chiesa come modello di vita cristiana.

Questo fatto mette in evidenza che la santità è una meta a cui tutti i battezzati, indistintamente dallʼepoca in cui vivono e dalle circostanza in cui si trovano, sono chiamati a raggiungere. Santità che consiste nel credere allʼamore che Dio nutre per ciascuno di noi e nel corrispondere a questo amore, lasciando trasformare la propria esistenza dalla grazia e dallʼesempio di Gesù Cristo.

Parlare di santità alla gente contemporanea può risultare astruso. Eppure la Chiesa, proponendo modelli di vita cristiana ai fedeli, è convinta di far loro un servizio prezioso, perché offre, nei beati e nei santi, risposte concrete a domande profonde sul senso della vita che sgorgano dal cuore delle persone, pur immerse in un ambiente dove tanto spesso non si fa più riferimento ad alcuna verità e ad alcun principio morale.

Il Papa ha detto ai giovani delle scuole cattoliche britanniche che: “La cosa che Dio desidera maggiormente per ciascuno di voi è che diventiate santi. Egli vi ama molto più di quanto voi possiate immaginare e desidera per voi il massimo. E la cosa migliore di tutte per voi è di gran lunga il crescere in santità”.

“Con coraggio e con gioia”, dunque (espressione usata da Benedetto XVI per esprimere il suo stato dʼanimo in occasione della sua recente visita in Gran Bretagna), doʼ a tutte le persone che vivono in Diocesi lʼannuncio che sabato 25 settembre 2010, alle ore 16, presso il Santuario della Madonna del Divino Amore, in Roma, la giovane Chiara Badano, nata a Sassello il 29 ottobre 1971 e ivi deceduta il 7 ottobre 1990, sarà proclamata “beata” e proposta a modello di vita cristiana.
È un dono grande che Papa Benedetto farà alla nostra Diocesi; da parte nostra deriverà un impegno a vivere e a testimoniare “Con coraggio e con gioia” il nostre essere cristiani!

† Pier Giorgio Micchiardi
Vescovo di Acqui

L’Ancora – Settimanale di informazione – Domenica 26 settembre 2010